Regionale Ricette di tradizione regionale Ricette di una volta Sicilia

Mustadda di fichi d’india

In Sicilia non si può iniziare la stagione autunnale se non si prepara la cosidetta “Mustadda”, ovvero la Mostarda di fichi d’india, dolce molto amato da noi siciliani e non solo. Questo per me è l’odore e il sapore della vera tradizione siciliana.

Si inizia la mattina presto con la raccolta dei frutti i fichi d’inda perchè la preparazione della mustadda è lunga e i fichi d’india devono essere freschi e maturi, non immaginate il profumo inebriante che si espande in casa, sono immense i ricordi e le emozioni che evoca in me questo dolce.

Mustadda

Difficoltà:AdvancedTempo di cottura: 40 minutiTempo totale:1 ora 50 minutiCalorie:300 kcal Stagione migliore:Fall

Description

Per circa 4l di succo ho sbucciato 20kg di fichi d’india

Ingredients

Instructions

  1. Dopo aver lavato bene i fichid’india sotto l’acqua corrente, in modo da eliminare gran parte di spine presenti, sbucciatele, e metterle in una pentola molto capiente.

  2. A fuoco moderato, lasciamo cuocere fino ad ottenere lo sfaldamento dei fichi d’india. Quando risulteranno sfaldate, spegnere il fuoco e lasciarle raffreddare un pò.

  3. Setacciare il composto ottenuto con un setaccio a maglia fine, per fare passare solo il succo. La polpa ottenuta mettetela in un panno pulito e strizzatelo il più possibile fino ad estrarre il succo rimanente. A volte necessitano più passaggi, necessita un pò di pazienza.

  4. Ottenuto tutto il succo, mettetelo in una pentolaa bordi alti, e cuocete a fiamma media per diverse ore.
    Qui ci sono tanti pensieri, cè chi dal succo ottenuto lo fa restringere fino ai 2/3, in verità questo lo faccio solo se bisogna fare il vino cotto di fichi india, invece io lo lascio cuocere anche per 6 ore, si vede il succo restringere ( non la metà) e si scurisce, a questo punto aggiungo la farina di grano duro setacciata un pò alla volta per non creare grumi e mescolo energicamente con la frusta.

  5. Deve risultare una crema, è pronbta quando ne metto un cucchiaio è risulta compatta. Cuocere ancora per un paio di minuti, per dare la possibilità alla farina di cuocersi e poi versare in piatti di portata piani.


  6. Bagnare i piatti e con l’aiuto di un mescolo versare la mustadda di fichi d’india , sbattere il piatto di sotto e distribuire la granella di frutta secca tostata.
    Impiattare tutta la mostadda ottenuta nei piatti di portata e lasciateli raffreddare.

Notes

  • Molti aromatizzano il succo con cannella, scorze d’arancia e chiodi di garofano, a me piace così naturale, senza nessun tipo di aroma.
  • Una volta che si raffredda si rapprende ed è pronta da gustare.

Seguimi sui social!

Potrebbe ineressarti anche